Tribunale di Albano Laziale

TRIBUNALE

tribunale albano

 

Giovedì 31 Luglio alle ore 19.00 ci troveremo davanti all’ingresso del Tribunale di Albano. Sarà l’occasione per capire di cosa si tratta in termini di superfici e cubature dello stabile. Avremo davanti gli elaborati progettuali e ci sarà modo di dibattere su quale vocazione potrebbe assumere nell’immediato e in che termini si possa recuperare.

A partire dal 1° Agosto 2014, l’edificio ad angolo tra Via Vivaldi e Via Donizetti, meglio conosciuto come il Tribunale di Albano, cesserà il suo servizio. La chiusura, con decorrenza a partire dal 29 Aprile 2014, era scattata con il decreto n°76 del 24 Aprile a firma del presidente del Tribunale di Velletri dottor Francesco Monastero.
Il 31 luglio 2014 i Giudici di Pace saranno gli ultimi ad abbandonare il Palazzo di Giustizia.
Uno stabile realizzato nei primi anni 2000, su progetto dello studio Zaccagnini di Velletri, che chiude la sua esistenza senza neanche essere arrivato ai 15 anni di età. Nato sotto chissà quale esigenza politica, a partire da Settembre prossimo le sue funzioni verranno spostate al Tribunale di Genzano di Roma.

A vederlo da fuori le dimensioni dell’edificio sono notevoli, senza considerare i 2 piani interrati con circa 1000 mq di superficie adibita ad archivio.
Numerosi sono i pensieri che si sommano in termini di possibile uso dei volumi disponibili a servizio della collettività. A leggere le piante architettoniche, sembra essere dinanzi ad una vera e propria città in miniatura, con tanto di corte interna degna di un Palazzo di Giustizia.
Come insegna la storia in questo paese, si presterà l’edificio in questione a diventare l’ennesima opera abbandonata nella città di Albano Laziale?

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *