Renzi: sonoramente bocciato in rinnovabili e clima, fa le fiaccolate!

Renzi scopre il clima, per fini elettorali e lo fa con una fiaccolata: ieri sera è partita la marcia (tardiva) del PD per l’Accordo di Parigi, pubblicizzata nella newsletter dell’ex Presidente del Consiglio. Incredibile. Sembra che Renzi abbia perso la memoria di tutto ciò che ha fatto contro le rinnovabili, mentre a Parigi firmava un Accordo sul clima, magari pensando che nessuno avrebbe letto il contesto. Bene, anzi, male. Gli rammentiamo noi il contesto “pro-rinnovabili” del suo governo. 

Qualche dato: 

  • Rinnovabili: nel 2016 la quota di elettricità prodotta da rinnovabili in Italia è stata del 38,5% contro un 44,3% del 2014. Meno 5,8%. (dati Terna). Crollo negli stessi anni del 92% delle installazioni di rinnovabili (fonte Legambiente);
  • CO2: l’Italia aumenta le emissioni climalteranti anzichè diminuirle. Più 0,6% nel biennio 2015/2016 (fonte Eurostat);                        

Ma, molto più pesantemente, le manovre di Renzi hanno portato:

  • alla compromissione dell’integrità dei parchi;
  • al regalo di suoli e mari alle compagnie petrolifere;
  • alla piaga del territorio Salentino con il TAP;
  • alle morti ed i licenziamenti di Taranto con i decreti ILVA;
  • all’imposizione militarizzata degli inceneritori; 
  • all’approvazione del decreto “Sblocca Italia” il quale prevede anche la costruzione di 12 nuovi inceneritori;

e potremmo continuare con la peste generalizzata del biogas ed altre porcherie di vario genere, finalizzate tutte all’affermazione di un potere esclusivo a servizio del capitale finanziario.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *