“Quis Custiodet Ipsos Custodes ?”

“La propaganda elettorale, a mezzo di affissioni di manifesti,stampati… è consentita solo negli spazi a ciò destinati dai Comuni ai sensi dei commi 1 e 2 dell’art. 1 della legge 4 aprile 1956 n. 212”.

Possibile che nessun vigile sia sia accorto del manifesto presenti da giorni sulla cabina del telefono ? Eppure è sul corso, strada notoriamente trafficata, vicino al Comune e alla sede dell’Urp.
Gli altri manifesti sono stati affissi sabato pomeriggio (la colla è chiaramente fresca) sulle plance della pubblicità comunale sul corso all’altezza di Borgo Garibaldi (cosa vietata dalla legge). Dov’è questa famosa task force che ha il compito di rimuovere e sanzionare gli abusi ? Perché, nonostante la moltitudine di esposti presentati da noi, ancora si continuano a vedere questi manifesti ? Albano si potrà permettere una campagna nel pieno rispetto delle regole e della par condicio ?
Al momento, per noi, la risposta è NO

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *