Interrogazione a risposta scritta: verde pubblico

21/10/2015

Al Sindaco
Al presidente del Consiglio
Al segretario Comunale

Oggetto: Interrogazione a risposta scritta e alla prima seduta consiliare utile, Art. 51 a seguenti del regolamento del consiglio comunale vigente e ai sensi dell’art. 43, comma 2, del Testo unico delle leggi sull’ordinamento enti locali. Verde pubblico.

Il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle,

Premesso

che a partire da questa estate si è assistito all’abbattimento di numerosi alberi su tutto il territorio comunale ed in particolare nel centro storico: villa Ferrajoli, Villa Doria, VIlla Adda;
che l’unica ordinanza presente sul sito del Comune relativa all’abbattimento di alberi risale al 23 luglio;

che altri interventi sono stati invece effettuati successivamente come da ampia documentazione fotografica effettuata dai cittadini e messa a disposizione della sottoscritta; che le motivazioni fornite sono state quelle dello stato di malattia delle piante e dell’eventuale pericolo per la popolazione;

Considerato

che a questi tagli non segue una successiva piantumazione di nuove alberature nello stesso numero;
che per molti alberi non risulta una manutenzione precisa e puntuale, ma vengono fatte potature drastiche che servono solo ad indebolire le piante;
che inoltre per gli alberi di grandi dimensioni andrebbe previsto un monitoraggio per mettere eventualmente in atto strategie mirate a salvarli come ad esempio imbrachi, puntelli o potature mirate;
che la legge 113 del 29 gennaio 1992 obbliga tra l’altro il comune di residenza a porre a dimora un albero per ogni neonato a seguito della registrazione anagrafica e che sempre in base all’art. 3 bis della suddetta legge “Due mesi prima della scadenza naturale del mandato, il sindaco rende noto il bilancio arboreo del comune, indicando il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica rispettivamente al principio e al termine del mandato stesso, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza.”

Chiede

di riferire quanti alberi sono stati effettivamente abbattuti;
quali esami sono stati effettuati prima del taglio degli alberi e da parte di chi;
se esistono altre perizie oltre quella pubblicata sul sito relativa all’ordinanza del 23 luglio;
da quale malattia o parassiti erano affetti tutti gli alberi abbattuti o drasticamente tagliati;
se viene effettuato dagli uffici preposti un monitoraggio periodico degli alberi presenti in città e un piano di recupero degli alberi malati;
dove finiranno i tronchi abbattuti;
a quale azienda o aziende è stato affidato il lavoro, con quali criteri (affidamento diretto, gara, ecc.) e con quale compenso;
quanti alberi si pensa di piantumare e quando;
di prendere visione del bilancio arboreo del comune del primo mandato come previsto dalla legge.

Movimento 5 Stelle Albano Laziale | Albano Laziale a 5 Stelle | Movimento 5 Stelle Castelli Romani | Castelli Romani 5 Stelle | M5S Albano | Albano a 5 Stelle | Comune di Albano Laziale | Cittadini per il Movimento 5 Stelle di Albano Laziale |  Cecchina |Pavona |Via Nettunense | Roncigliano | Discarica |No inceneritore | Le Mole | Laghetto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *