Incuria del verde pubblico: inviata PEC al Sindaco Nicola Marini

Vi riportiamo integralmente il testo della PEC che abbiamo scritto in data odierna al Sindaco di Albano Laziale dott. Nicola Marini, chiedendo informazioni riguardo la mancata pubblicazione del bilancio arboreo.

Al  Sindaco
Comune di Albano Laziale (RM)
Dott. Nicola MARINI

All’Ufficio Anagrafe

Comune di Albano Laziale (RM)

Dott. Marini,
come Le sarà sicuramente noto, la Legge 29 gennaio 1992, n. 113 recante «Obbligo per il comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica», pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 40 del 18 febbraio 1992, nel suo articolo 1, comma 2 stabilisce che i comuni come il nostro, con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, devono provvedere, entro sei mesi dalla registrazione anagrafica di ogni neonato residente e di ciascun minore adottato, a porre a dimora un albero nel territorio comunale. La legge dispone altresì che, entro sei mesi, l’ufficio anagrafico comunale deve fornire informazioni dettagliate circa la tipologia dell’albero e il luogo dove l’albero è stato piantato alla persona che ha richiesto la registrazione anagrafica.
Non solo.
L’articolo 3 – bis, comma 2 della succitata legge recita testualmente che: “Due mesi prima della scadenza naturale del mandato, il sindaco rende noto il bilancio arboreo del comune, indicando il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica rispettivamente al principio e al termine del mandato stesso, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza.”
Orbene, sul sito internet del Comune non vi è traccia di tale bilancio né tantomeno nelle Sue relazioni di fine mandato (2014) e d’inizio del secondo (2015).
Al contrario, a pochi mesi dal Suo secondo insediamento, con ordinanza numero 127/2005, ha disposto l’abbattimento di venticinque esemplari della Villa Ferrajoli a causa delle condizioni fitostatiche certificate dal dottor agronomo Fabrizio Mula con apposita relazione acquisita con protocollo numero 28.742 del 23.6.2015.
Ciò dimostra con quanta leggerezza l’Amministrazione Comunale si prende cura del verde pubblico, lasciato per inerzia o noncuranza nell’abbandono più totale.
Giova ricordare che in data 21.10.2015, il Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle, con interrogazione a risposta scritta indirizzata alla Sua persona, al Presidente del Consiglio Comunale e al Segretario Comunale aveva richiesto, fra le altre cose, quale fosse l’effettivo numero degli alberi abbattuti per malattia e/o parassiti; se fosse stato effettuato il monitoraggio periodico degli alberi presenti in città con relativo  piano di recupero per gli alberi malati ed, infine, espressa richiesta di prendere visione del «Bilancio Arboreo» comunale relativo al Suo primo mandato.
Atteso quanto sopra, i Cittadini per il Movimento 5 Stelle di Albano Laziale chiedono:
a) qualora non si fosse provveduto in tal senso, che per ogni neonato o ciascun minore adottato nel territorio comunale sin dal 2010 (anno d’inizio del Suo primo mandato)  sia posto a dimora un albero come per legge;
b) che l’Ufficio Anagrafe comunale fornisca dettagliate informazioni circa la tipologia degli alberi e dei luoghi dove sono stati piantati o dove saranno piantati;
c) l’immediata pubblicazione del «Bilancio Arboreo» sul sito internet istituzionale del Comune.
Distinti saluti

I Portavoce
Gianni Maggi                                                 Daniele Pelosi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *